Progetto

“Poco ma buono”, è ormai il “motto” della nostra gestione di Alpe Madre e ci siamo arrivati con pochi (ma buoni appunto) principi:
– lavoriamo sulla preparazione di piatti semplici e fatti con ingredienti sani e locali;
– cerchiamo di offrire un’accoglienza sincera, senza fronzoli: quello che abbiamo sempre sperato di trovare nelle montagne che abbiamo frequentato;
– stiamo puntando alla sostenibilità: cibo il più naturale e locale possibile, attenzione all’ambiente, uso dell’acqua parsimonioso, una buona retribuzione per chi lavora con noi, pagamento non dilazionato dei nostri fornitori;
– lavorare in rete e favorire un’economia sociale: abbiamo creato dei legami forti con la rete locale, lavoriamo con chi si occupa di promozione e valorizzazione sociale, con chi ha a cuore il territorio e con chi vuole incoraggiare una frequentazione responsabile della montagna;
– garantire a chi viene a trovarci la possibilità di sentirsi a casa propria, di poter godere della bellezza di questo posto in serenità, senza troppe preoccupazioni.

Parlare di “poco” in questo momento storico ci sembra difficile, ma necessario: crediamo abbia senso contrapporre al “troppo e male” il “poco e buono” per vivere meglio.
Con “poco” non intendiamo porzioni scarse, ma una proposta di piatti che tende a valorizzare la stagionalità e la freschezza dei prodotti.

Dario e lo staff dell’Alpe Madre.